Soluzioni Spazionova - L'acustica in ufficio - Arredi per ufficio
1995
post-template-default,single,single-post,postid-1995,single-format-standard,bridge-core-2.1.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-20.4,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

L’acustica in ufficio

All’interno di un ufficio, di un open space o di una singola stanza le fonti di rumore possono essere di diversi tipo e provenienza e tutti i nostri sensi vengono sollecitati. L’acustica in ufficio è la seconda caratteristica fisica più importante che va ad incidere sulla produttività del luogo di lavoro (dopo l’illuminazione). Le frequenze del parlato sono in particolare quelle che in ambienti di incontro, di lavoro, di aggregazione, se non correttamente “trattate” possono causare forte disagio e disturbi patologici.
Dato che ci stiamo sempre di più orientando vero un’economia delle conoscenze, dove il successo dipende sempre di più dalla produttività, il rumore negli uffici sta diventando un problema sempre più pesante per le aziende.
Soprattutto all’interno degli open space utilizzati dalla maggior parte delle aziende il rumore in ufficio è forse la più problematica più pressante. La mancanza di privacy, fa sentire i lavoratori sempre sotto osservazione ed i rumori circostanti sono percepiti come minaccia ed intrusione e soprattutto diventa difficile concentrarsi circondato da altre persone. Durante la progettazione degli spazi, la qualità acustica dovrà essere uno dei fattori da tenere presente, soprattutto se verranno utilizzati per attività comunicative e cognitive.
Il primo step per raggiungere il comfort acustico è quello della progettazione acustica, processo fondamentale per ottenere il massimo dell’efficienza e senza il quale, qualsiasi intervento potrebbe non risultare efficace.

Una buona acustica in ufficio è fondamentale per garantire il comfort delle persone che lavorano e trascorrono gran parte della propria giornata al suo interno.

Gli ambienti di lavoro dove la diffusione del suono è controllata permettono di aumentare la produttività e favorire una sensazione di benessere che si oppone allo stress quotidiano. Con il termine isolamento acustico, vengono definiti tutti i prodotti e le opere funzionali a proteggersi dai rumori ambientali o a limitarne la diffusione, studiati partendo dai principi fisici che regolano la propagazione del suono.  Quando il rumore è costituito da onde sonore che l’orecchio umano percepisce come negative, diventa un elemento di disturbo che può inficiare la produttività sul luogo di lavoro, causando al contempo patologie dannose per la salute delle persone.

Fonte: Slalom Acoustic

Isolare acusticamente

Per ostacolare la propagazione del rumore, è necessario predisporre un progetto acustico integrato che miri a raggiungere una situazione di comfort, combinando materiali ed elementi di arredo. Esistono due metodi per abbattere l’inquinamento sonoro: isolare dai rumori esterni oppure assorbire le onde.  I materiali fonoisolanti impediscono al rumore di penetrare all’interno dell’ufficio, mentre i fonoassorbenti migliorano l’acustica all’interno degli spazi, assimilando di fatto l’energia sonora ed eliminando l’effetto dell’eco.  I primi, sono caratterizzati da un peso atomico notevole, grazie al quale creano una barriera che impedisce al rumore di penetrare, differenziandosi dai fonoassorbenti che, dovendo dissipare l’incidenza delle onde sonore, sono in genere caratterizzati da una bassa densità e da finiture con celle porose aperte, oppure fibre.

Fonte: Slalom Acoustic

Regolare l’acustica in ufficio

Da una ricerca è emerso infatti che il personale di un ufficio open space è meno produttivo del 15%: incontra infatti più difficoltà a concentrarsi, mentre le piccole distrazioni fanno perdere più di 20 minuti di concentrazione al giorno. È sufficiente quindi regolare l’acustica per migliorare la produttività di un ufficio open space. In questo modo il personale può ottenre circa il 50% in più di concentrazione commettendo il 10% di errori in meno e i livelli di stress diminuiscono di oltre un quarto1.
L’uso di un materiale che non riflette i rumori su soffitti e pareti, ad esempio, può contribuire a ridurre il grado di riverbero del parlato, abbassando il rumore a livelli confortevoli.
L’acustica applicata può aiutare a risolvere la difficile sfida di creare un ambiente di lavoro flessibile ed esteticamente piacevole, in cui i dipendenti possono lavorare soddisfatti e senza distrazioni.

Fonte: Slalom Acoustic