Soluzioni Spazionova - Il verde in ufficio aumenta la produttività
1946
post-template-default,single,single-post,postid-1946,single-format-standard,bridge-core-2.1.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-20.4,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

Il verde in ufficio aumenta la produttività

Molti segreti del regno vegetale sono tutt’oggi ignoti ma è ampiamente dimostrato quanto le piante abbiano sugli esseri umani effetti psicologici e fisici benefici per la nostra salute. Il solo contratto visivo con le piante attiva nell’essere umano una reazione positiva sull’umore. Secondo uno studio dell’OMS, un cittadino europeo trascorre mediamente il 90% della propria vita all’interno di edifici ed inserire verde verticale, piante, giardini o piccole oasi al loro interno (soprattutto in ufficio) non può che portare giovamenti. La conferma viene fornita da uno studio condotto dal Centro per la salute e per l’ambiente dell’Università di Harvard, secondo cui la produttività in azienda aumenta del 30% se l’ufficio è “green”.

I benefici che apportano le piante all’ufficio

Secondo la ricerca dell’Università di Harvard l’utilizzo di piante e di pareti ricoperte da giardini verticali o pannelli di lichene stabilizzato, ha effetti molto positivi sulle attività cognitive dei dipendenti. Secondo i ricercatori, all’interno degli ambienti “green” c’è un aumento sensibile delle prestazioni lavorative e della sua attenzione (26%) ma, allo stesso tempo, si riducono del 30% le malattie e le assenze correlate ed un amento della qualità del sonnmo per un 6% degli intervistati.

L’importanza delle piante

I ricercatori hanno esaminato gli uffici situati in dieci edifici green ad alte prestazioni in cinque città differenti, studiando la correlazione fra la produttività ed il benessere di chi li popola e le condizioni all’interno dell’ufficio. I risultati hanno confermato che gli ambienti verdi incrementano notevolmente la produttività. Uno studio del 2014 dell’Università di Exeter, ad esempio, sosteneva che i dipendenti di un ufficio in cui sono presenti piante sono più felici ed efficienti, con un aumento medio della produttività del 15 per cento, rispetto ai colleghi che lavorano in ambienti privi di vegetazione.

L’ufficio in continua evoluzione

E’ risaputo che la presenza di piante negli ambienti interni garantisce una qualità dell’aria migliore. Sono infatti molecole come l’anidride carbonica e altri composti organici volatili rilasciati negli ambienti da materiali o sostanze solitamente impiegate negli uffici che abbassano la concentrazione e rallentano il pensiero.
Agli ormai noti effetti rilassanti che aiutano a diminuire lo stress si aggiunge anche la proprietà fondamentale della fono assorbenza: se correttamente posizionate piante, giardini verticali, pareti verdi sono in grado di assorbire il suono e diminuire il riverbero, partecipando a migliorare ulteriormente l’ambiente di lavoro.
La presenza di piante sparse per l’ufficio, che si contrappone all’ideologia snella e minimale sulla quale sono stati progettati numerosi grandi uffici, risulta un ottimo investimento per migliorare produttività e vita lavorativa.